FLEBOLOGIA

Le Migliori Cure per le

tue Vene, i tuoi Capillari e le tue Varici

L’insufficienza venosa cronica (IVC) è conseguente ad uno scompenso del funzionamento delle vene periferiche. Il ritorno del sangue verso il cuore in equilibrio con le necessità tissutali non è piu’ garantito, non solo in posizione ortostatica, ma anche clinostatica.

L’IVC tuttavia non riguarda unicamente le vene –pervietà e caratteristiche parietali e valvolari (fattori vascolari)-, ma anche ogni causa che alteri il ritorno venoso –pompa muscolare del piede, polpaccio e coscia, alterazioni della motilità articolare e del tessuto connettivo (fattori extravascolari).

Si possono distinguere in:

insufficienza del sistema venoso superficiale,

insufficienza del sistema venoso profondo,

o di entrambi.

La prevalenza attuale dell’IVC a carico degli arti inferiori è di circa il 10-50% negli uomini e del 50- 55% nelle donne.

Le flebopatie e le varici sono rare nei bambini e negli adolescenti. Tuttavia bambini con familiarità positiva per varici possono sviluppare vene ectasiche ed incontinenti già nell’adolescenza.

L’ipertensione, il fumo di sigaretta, la stipsi non si sono rivelati fattori di rischio statisticamente significativi e correlabili all’IVC. È invece ampiamente riconosciuto che alcune occupazioni, particolarmente quelle che obbligano ad un prolungato ortostatismo, si associno con maggiore prevalenza.

Come funziona il sistema venoso?

Il sistema venoso ha diverse funzioni. Il suo ruolo principale è di trasportare il sangue dalle estremità posteriori verso il cuore. Per fare questo, ha una rete di vene profonde che raccolgono il 90% del sangue e una rete di vene superficiali. Queste due reti sono unite tra loro da archi (arco della vena grande safena e arco della piccola safena) e le vene perforanti. La seconda funzione del sistema venoso è di regolare la temperatura della pelle in tutte le condizioni climatiche. E 'anche un serbatoio per la massa di sangue: 5 a 6 litri (tra 8 e 11 pinte) di sangue circolano intorno al corpo, di cui il 64% si trova nelle vene.

Come funziona il sistema venoso?

Per trasportare sangue indietro fino al cuore (e quindi contrastare gravità), il sistema venoso deve essere guidata da pompe. Ci sono quattro pompe principali o forze:

  • La pompa muscolare al polpaccio.

La forza del sistema muscolare è stato creato da due cose principali: Le pompe muscolo scheletrico nei membri inferiori, compresi i muscoli del polpaccio (gemelli e soleo muscoli). Questi muscoli contengono molte vene e costituiscono un serbatoio di 70 ml. Il muscolo è coperto con una membrana non elastico, l'aponeurosi. Quando il contratto fibre muscolari, si spremere la parete delle vene contro aponeurosi e forzare verso l'alto il sangue verso il cuore.

L'efficacia delle contrazioni muscolari dipende molto dalla condizione articolare della caviglia e, in misura minore, l'articolazione del ginocchio. L'aumento del tessuto adiposo nella gamba rallenta notevolmente verso il basso il lavoro della pompa del muscolo scheletrico.

Quando camminiamo, ad ogni passo la contrazione dei muscoli del polpaccio spinge il sangue verso il cuore. Le valvole anti-reflusso situati all'interno delle vene impediscono il riflusso.

  • La pompa venosa plantare

Questa pompa viene attivata quando camminiamo come il "sole venosa plantare" è spremuto. Questa è una rete di vene situate in profondità all'interno della pianta del piede che costituisce un serbatoio di 30 ml. Questo spiega il motivo per cui l'azione drenante di questa pompa venosa potrebbe essere meno efficace nelle persone che soffrono di immobilità plantare (piedi cavi, piedi piatti, etc.).

 

  • La pompa articolare alla caviglia

Ogni volta che si muove alla caviglia, il sangue venoso viene spinto verso l'alto verso il cuore. Esercizio ha un effetto positivo sulla azione delle pompe articolari. Viceversa, se il movimento della caviglia è bloccato, il ritorno venoso viene rallentata. L'articolazione del ginocchio svolge anche un, un po 'più piccolo, ruolo.

 

  • La pompa diaframmatica

Il diaframma, che è un muscolo che separa la cavità addominale dalla cavità toracica, svolge un ruolo nel trasporto di sangue venoso grazie al sistema di aspirazione. Viene particolarmente in gioco quando si è sdraiati. Ogni volta che respiriamo, il diaframma, che è il muscolo principale utilizzato per la respirazione, si alza e aspira il sangue venoso fino dai piedi verso il cuore. Ciò che rallenta ritorno venoso verso il basso? Oggi, sono stati identificati numerosi fattori di rischio. Nell'ambiente di lavoro, questi sono lavori che richiedono personale per stare in piedi per lunghi periodi di tempo, mischiare intorno o trasportare carichi più pesanti di 10 kg, o posti di lavoro che li espongono ad alte temperature di esercizio. Più in basso la scala troviamo dover appoggiarsi in avanti, accovacciarsi o inginocchiarsi, seduto per lunghi periodi di tempo o non correttamente seduti in poltrona, ognuno dei quali può ostacolare il ritorno venoso. L'eccesso di peso e aumento del tessuto adiposo nelle gambe rallenta anche il flusso di sangue venoso.

Ciò che rallenta ritorno venoso verso il basso?

Oggi, sono stati identificati numerosi fattori di rischio. Nell'ambiente di lavoro, questi sono lavori che richiedono personale per stare in piedi per lunghi periodi di tempo, mischiare intorno o trasportare carichi più pesanti di 10 kg, o posti di lavoro che li espongono ad alte temperature di esercizio. Più in basso la scala troviamo dover appoggiarsi in avanti, accovacciarsi o inginocchiarsi, seduto per lunghi periodi di tempo o non correttamente seduti in poltrona, ognuno dei quali può ostacolare il ritorno venoso. L'eccesso di peso e aumento del tessuto adiposo nelle gambe rallenta anche il flusso di sangue venoso.

I centri di diagnostica non invasiva si sono sviluppati soprattutto negli ultimi decenni, le malattie venose presentano una maggiore difficoltà di valutazione rispetto alle malattie arteriose e richiedono quindi una certa esperienza ed una valutazione più accurata. Per tali motivi i test venosi risultano maggiormente operatore-dipendente e richiedono una competenza specifica clinica soprattutto per la valutazione dell’insufficienza venosa cronica.

I test, semplici, rapidi ed efficaci per costo-beneficio sono:

  •   

  •    

 

 

 

I nostri consigli:

Evitare:

  • mischiare in giro per lunghi periodi di tempo  

  • calore (riscaldamento a pavimento - l'esposizione alla luce solare - saune e bagni turchi - depilazione con cera calda - riscaldamento auto diretti verso il vostro gambe, ecc)

 

Eliminare tutto ciò che rallenta il flusso di sangue venoso

 

Correggere eventuali anomalie nel tuo arco del piede

 

Per gli anziani, assicurarsi che le articolazioni della caviglia funzionano correttamente e la lotta contro gli sprechi muscolare

 

Evitare di indossare abiti che sono troppo stretti

 

Cambiare le scarpe regolarmente e alternare l'altezza dei talloni, evitando quelle più alta di 5 

 

Igiene alimentare

Evitare di essere in sovrappeso, come il tessuto adiposo rallenta il flusso del sangue venoso dai membri addome e inferiore.

 

Evitare di mangiare troppo grassi o zuccheri.

 

Combattere la stitichezza da bere abbastanza acqua e mangiare una dieta che è ricca di fibre

 

Mangiare alimenti che sono ricchi di vitamina E (germogli di cereali, fegato, burro), vitamina C (prezzemolo, ribes nero, arance, kiwi, melograni), vitamina PP (pane integrale, le mandorle, fegato di vitello)

 

Al lavoro:

 

Cambiare posizione regolarmente e andare in giro, se si lavora seduti o in piedi. Questo diventa la pompa muscolare in corso (a piedi almeno 7 passi)

 

Flex ed estendere le articolazioni della caviglia salendo sul vostro punta di piedi per 5 minuti ogni ora

 

Il mio consiglio: Non trascurare l'importanza di indossare calzature adatte, che offre supporto plantare sufficiente Indossare calze a compressione, collant e calzini può aiutare a meglio far fronte a periodi prolungati ai piedi o viaggi in aereo

 

Pressoterapia, un trattamento che prevede il posizionamento delle gambe in grossi stivali piene d'aria, è molto utile per trattare problemi venosi

 

Flebotonici: Questi sono efficaci per i problemi funzionali: pesantezza, dolori, crampi e anche gonfiore

Quali esercizi devo fare?

Alcuni esercizi semplici su base regolare: salgono sul vostro punta di piedi e giù di nuovo, diverse volte di seguito, una volta ogni ora. Se si sono seduti per molto tempo, flex quindi allungare l'arco del piede tempi diversi. Ripetere l'esercizio per tutta la giornata. Evitare di attraversare le gambe. Flettere ed estendere i piedi dalle caviglie.

 

L'influenza del nostro respiro sul ritorno venoso possa essere chiaramente dimostrato in un esame Doppler. Respiri lenti e profondi portano a flusso di sangue accelerato nelle gambe. È importante sapere come respirare utilizzando lo stomaco e il torace. Hai bisogno di fare il vostro lavoro addome più come si respira; si dovrebbe imparare a respirare con i muscoli addominali.

Esempio esercizio:

Sdraiati sulla schiena con le ginocchia piegate: Mettete le mani delicatamente sulla pancia, appena sopra l'ombelico, e rilassarsi Inspirare lentamente attraverso il naso e consentire lo stomaco per gonfiare sotto le mani, senza respirare con il petto Quindi continuare a respirare come si gonfia il petto Trattenete il respiro per 5 secondi Poi espirate lentamente, lasciando che l'aria lascia i polmoni e il flusso attraverso la bocca aperta Cercare di spremere la pancia a forzare tutta l'aria residua dai polmoni

 

A proposito di sport da praticare?

La cosa importante è fare uno sport che ti piace in modo da praticarlo regolarmente ed  evitare di condurre una vita sedentaria. Una volta o due volte alla settimana è l'ideale.

E ' buona prassi, mentre si fa sport,indossare calze a compressione graduata.

Sport non  raccomandati sono quelli che richiedono sforzi intensi, contrazioni muscolari prolungate, trattenere il respiro,come sport di combattimento, pallamano, pallacanestro, scherma, ecc

 

Che cos’è l’Ecocolordoppler venoso?

L’ecocolordoppler venoso è una metodica diagnostica non invasiva che permette di visualizzare i principali vasi sanguigni e studiare il flusso ematico al loro interno. È un esame che non reca alcun dolore o fastidio.
 

A che cosa serve l’Ecocolordoppler venoso?

L’ecocolordoppler venoso viene utilizzato principalmente per lo studio e il monitoraggio delle patologie vascolari come stenosi arteriose e venose, aneurismi, trombosi e insufficienze venose. 
 

Come si svolge l’Ecocolordoppler venoso

Per eseguire l’Ecocolordoppler venoso ilpaziente viene fatto stendere su un lettino e sulla parte del corpo da esaminare viene spalmato un gel denso, che dà una lieve sensazione di freddo, al fine di eliminare le bolle d'aria. La sonda viene quindi appoggiata sulla zona da esaminare così da ottenere sullo schermo collegato le immagini che serviranno a stendere la diagnosi.
 

Durata dell’Ecocolordoppler venoso

L’Ecocolordoppler venoso dura mediamente 15/20 minuti.

Controindicazioni dell’Ecocolordoppler venoso

L’ecocolordoppler venoso non ha controindicazoni.